La firma digitale ed il suo rinnovo, procedure ed utilizzo

Cos'è, a cosa serve e a chi serve la firma digitale

firma-digitale.jpg

Questo tipo di firma certificata, generata elettronicamente, è l'equivalente informatico legale di una normale firma autografa su carta e serve per garantire l'autenticità, l'integrità e la non ripudiabilità di un documento informatico, in pratica di un file, quale che sia il suo contenuto, testo, musica, immagini o altro. Sostanzialmente, firmare digitalmente un qualsiasi documento informatico gli attribuisce valore legale.  Questo strumento è, oggi, necessario a chiunque, come imprenditori o professionisti ma anche semplici cittadini, utilizzi internet per la trasmissione di comunicazioni di valore legale verso la pubblica amministrazione o altri soggetti terzi. Per ottenere la certificazione delle firme digitali è necessario presentare, all'ente autorizzato, il proprio documento d'identità in formato cartaceo e in corso di validità, il codice fiscale e un indirizzo di posta elettronica personale.

Per firmare digitalmente un documento è necessario possedere un kit comprendente una smart card, un lettore usb di smart card, i driver necessari al pc per utilizzare il lettore e il software DIKE. Chi ritenesse troppo macchinoso questo sistema può adottare una business key, cioè un dispositivo su supporto usb con la firma precaricata in versione "portatile". Per generare elettronicamente la firme sono necessarie una coppia di chiavi digitali asimmetriche riferite univocamente al titolare. Una chiave è privata e conosciuta solo dal titolare e serve per generare la firma da apporre al documento, l'altra è pubblica e usata per confermare l’autenticità della firma.

Questo tipo di firma generata elettronicamente serve per trasmettere atti alla pubblica amministrazione, comunicazioni alla camera di commercio o all'ufficio delle entrate, validare transazioni finanziarie o il rilascio di fatture, ricevute e qualunque altro tipo di documento necessiti di una validazione legale. Un tipico esempio di utilizzazione delle firme elettroniche sono le dichiarazioni unificate di inizio attività che utilizzano le imprese, direttamente o tramite professionisti, per comunicare in una volta sola, tramite un apposito software, l'inizio della propria attività a comune, camera di commercio e ufficio IVA.


RINNOVO FIRMA DIGITALE
La certificazione legata alla validazione delle firme digitali, dura tre anni e, alla scadenza, è necessario rinnovarla. Le richieste di rinnovo delle firme digitali vanno effettuate tra i novanta giorni precedenti la scadenza del certificato ed il giorno successivo alla stessa. Attualmente, la procedura di rinnovo, è disponibile solo per pc dotati di sistemi operativi Windows. Chi dovesse utilizzare, d'abitudine, sistemi operativi diversi, dovrà provvedere di poter utilizzare un pc dotato di una versione di questo sistema operativo per poter procedere al rinnovo del certificato. Una volta completata la procedura di rinnovo del certificato, sarà possibile riprendere ad utilizzare la propria firma normalmente, con qualsiasi sistema operativo. Il certificato rinnovato avrà valore di tre anni a partire dalla data di rinnovo.

Acquisti più volte un prodotto?

Scopri il listino personalizzato per gli acquisti cumulativi o ricorrenti

Scoprilo qui!

Firme Digitali Per Pubbliche Amministrazioni

Scopri le Nostre Offerte per Comuni e per Pubbliche Amministrazioni

Maggiori Dettagli